Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige

@altoadige.suedtirol @visitsouthtyrol @altoadige_info #AltoAdige #Suedtirol #momentidiluce #altoadigeweb #altoadigefood #altoadigewines #altoadigenelcuore #altoadigesüdtirol #altoadigedavivere #altoadige_südtirol #altoadigedascoprire #food #foodie #foodpic #foodpics #foodporn #foodlover #foodblogger #foodstagram #foodphotography #wine #winetime #winelover #winelovers #winepassion

Premiato anche per la sua cucina “sostenibile”, lo chef tristellato Norbert Niederkofler racconta l’Alto Adige, sua terra di origine

Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige  Image of Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige

Chef tristellato e quest’anno insignito anche della prima stella verde Michelin dedicata alla sostenibilità, Norbert Niederkofler è un altoatesino d’eccellenza
che ama profondamente la sua terra di origine.

È in Alto Adige che infatti ha mosso i suoi primi passi e che la sua passione per la cucina ha preso forma diventando il suo presente e, soprattutto, il suo futuro.

L’Alto Adige per me è un’isola felice – racconta lo chef, recentemente anche insignito del premio per il Miglior Libro di Cucina per il suo “Cook the Mountain, the nature around you”-. La qualità della vita è altissima ed è il posto ideale per riposare, riflettere e ritrovare nuove ispirazioni nella natura, soprattutto per i miei progetti.

Prodotti gastronomici e sapori locali consigliati dallo chef tristellato

Nel tempo libero Norbert Niederkofler ama godersi la natura ma anche assaporare la diversità tra la cultura italiana e quella altoatesina che qui convivono, sia nel cibo che nel modo di vivere.

Ed è proprio nel cibo che l’amore per il territorio trova la sua massima espressione.

Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige  Image of Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige

Nei piatti dello chef c’è sicuramente un pizzico della sua amata (e natìa) Valle Aurina, da lui stesso definita zona di frontiera, un luogo magico dove tutto per lui ha avuto inizio.

Proprio per amore di questa valle, ha scelto di ridare valore a un prodotto locale che sembrava esser stato dimenticato: il formaggio grigio.

Una prelibatezza preparata con latte magro acido, un tempo servito solo nella tavola dei poveri e oggi tra gli ingredienti protagonisti della cucina dello chef tristellato.

Contrassegnato come Presidio Slow Food, al formaggio grigio della Valle Aurina Norbert ha dedicato un risotto davvero speciale che richiama i sapori delle locande rustiche della Valle dove ancora oggi è possibile ordinare un piatto a base di formaggio grigio servito con cipolle, pepe e aceto di vino rosso.

Evviva il Kaiserschmarrn!

Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige  Image of Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige
.

Non solo salato, ma anche tanti dolci per Norbert Niederkofler che ama particolarmente il celebre “Kaiserschmarrn”, una frittata dolce di antichissima origine che si può gustare nelle malghe, nei rifugi e nei ristoranti.

O ancora le frittelle di mele, anche queste spesso protagoniste della colazione o merenda altoatesina.

Dopo tutto, l’Alto Adige è la terra per eccellenza delle mele.

Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige  Image of Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige
.

Basti pensare alla Val Venosta e alla sua grande tradizione legata proprio a questo frutto: qui è possibile conoscerne da vicino la coltivazione grazie a diversi itinerari che attraversano i principali frutteti, come la ciclabile Via Claudia Augusta che collega Resia e Merano, o a vere e proprie manifestazioni tematiche, come le settimane delle mele organizzate in autunno a Silandro e Lasa.

Un’occasione anche per degustare le tanto amate frittelle.

I fondatori della tradizione culinaria altoatesina

Quando è di tradizione gastronomica che si parla, secondo Norbert uno dei luoghi del cuore è Merano: la storia della gastronomia porta i nomi di Andreas Hellrigl e Giancarlo Godio.

A Hellrigl, chiamato a corte dalla regina Elisabetta II, si deve gran parte della tradizione culinaria altoatesina e della sua diffusione oltre i confini territoriali.

Fu lui che riuscì a sdoganare i canederli, un tempo considerati piatto della cucina povera, e il primo ad associare la cucina mediterranea a quella alpina, proponendo piatti davvero sorprendenti, oggi considerati la tradizione della cucina meranese e altoatesina.

Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige  Image of Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige

Sempre Hellrigl è stato il primo a cogliere l’importanza di cucinare all’interno di un ambiente accogliente, capace di coccolare l’ospite fin dal suo arrivo: è il 1979 quando inaugura proprio a Merano il primo design hotel al mondo presso Villa Mozart.

Niederkofler non dimentica poi la figura di Giancarlo Godio che, con il suo ristorante stellato Genziana in fondo alla Val d’Ultimo e i suoi piatti altoatesini dagli abbinamenti innovativi, ha avviato negli anni ’80 un turismo gastronomico come non si era mai visto nella città di Merano e ha reso possibile la convivenza tra tradizione e innovazione nello stesso piatto.

Una serie di intuizioni che lo chef tristellato ha fatto sue, dall’utilizzo dei prodotti che la natura dona a seconda della stagionalità, fino all’idea di progettare i propri ristoranti secondo un design studiato nei minimi particolari.

La sostenibilità come valore di ogni singolo progetto architettonico

In Alto Adige i progetti architettonici degli ultimi anni hanno un unico comune denominatore: essere sostenibili.

Una missione condivisa anche da Norbert Niederkofler che della sostenibilità ha fatto una vera e propria filosofia di vita e di cucina.

Il suo libro “Cook the Mountain” va proprio in questa direzione ed è l’esempio di come si possa lavorare sul territorio partendo dal suo patrimonio naturale.

Ecco perché “AlpiNN Food Space & Restaurant”, del quale è co-owner, non poteva che essere un esempio di come architettura e ambiente circostante possano dialogare armonicamente tra loro.

Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige  Image of Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige

Quando la Società degli impianti di Plan de Corones mi ha mostrato il progetto del Lumen, io e i miei collaboratori siamo riusciti, con Paolo Ferretti, il mio socio, ad affidare gli interni del ristorante al designer Martino Gamper. Volevamo proprio questo, un design che guardasse al futuro rispettando il passato, la filosofia sostenibile di Cook the Mountain, la cultura e le tradizioni delle montagne, con le Dolomiti da una parte e le Alpi dall’altra.

E in effetti, lì sulla cima del Plan de Corones, Il Lumen Museum, la casa della fotografia di montagna a 2.275 metri, riesce a inserirsi perfettamente nel paesaggio esaltandone, con la sua architettura, le meraviglie.

Partendo infatti da una vecchia stazione della funivia ormai dismessa, l’architetto Gerhard Mahlknecht e il designer Florian Boje hanno ideato un edificio che unisce passato e presente e che, contemporaneamente, utilizza materiali del territorio come legno, pietra e altri materiali naturali.

Ma non finisce qui.

Niederkofler apprezza molto anche la struttura e il design di un altro museo del territorio, il celebre MMM Corones, progettato da Zaha Hadid e dedicato all’alpinismo tradizionale.

Un fiore all’occhiello dell’architettura sostenibile, straordinario per l’integrazione nella natura e per le forme particolarmente morbide.

Qui, infatti, le linee estetiche e strutturali si fondano con l’ambiente circostante inserendosi con grande naturalezza nel paesaggio.

Basta recarsi in questo luogo per osservare come il museo sia stato costruito in gran parte sotterraneo per non interferire con le bellezze paesaggistiche.

Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige  Image of Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige

Negli ultimi anni un lavoro importante è stato fatto anche nelle cantine vinicole – prosegue ancora Niederkofler -. Basta infatti percorrere la Strada del Vino per imbattersi in architetture innovative che hanno reso la loro produzione, e non solo, sempre più sostenibile. Tra queste, ad esempio, la Cantina Tramin stupisce per la sua forma squadrata, progettata per permettere ai visitatori di ammirare dall’interno i vigneti circostanti, le montagne e anche il Lago di Caldaro. O ancora la Cantina Manicor, il cui edificio è stato costruito interamente sotto i vigneti per non intaccare la superficie coltivata e per garantire una protezione termica del terreno. Una tenuta che non usa petrolio o gas naturali ma che sfrutta i cicli lunari e la forza di gravità per non impiegare altri macchinari.
Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige  Image of Lo chef Norbert Niederkofler racconta il suo luogo del cuore, l’Alto Adige

Come visitarle?

Basta indossare scarpe comode o salire in sella a una bici.

Immersa tra vigneti secolari, la Strada del Vino passa attraverso 16 comuni altoatesini e prevede alcune soste gustose, perfette per sorseggiare alcuni dei vini più pregiati dell’Alto Adige.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.